Opere edili

Ristrutturazione giardini:

Progetto, realizzazione e mantenimento

La ristrutturazione dei giardini si articola in tre momenti fondamentali: la fase progettuale, la fase di realizzazione, la fase di mantenimento.

Il primo di questi momenti consiste in uno studio di fattibilità, dove si cerca di far combaciare i propri gusti e bisogni con le variabili ambientali: se ad esempio il vostro giardino è per la maggior parte in ombra, inutile insistere con la considerazione che amate i girasoli, perché questi necessitano di un caldo quasi afoso, tipico delle estati mediterranee, e di un’esposizione diretta al sole.
La fase della progettazione consiste proprio nello studio degli spazi, nella migliore collocazione possibile di siepi e piante che si sposino col clima del luogo, alla riflessione sull’eventuale presenza di animali domestici, alla pianificazione dell’impianto d’illuminazione e di quello dell’acqua.

In base a quest’ultimo aspetto, sarà necessario prendere le misure, segnare gli eventuali ostacoli, e collocare gli irrigatori (a lungo raggio per spazi di grandi dimensioni, a corto raggio per giardini non particolarmente ampi). È possibile inoltre optare per un impianto superficiale (un tubo forato che rilascia lentamente piccole gocce d’acqua, adatto per gli orti ma non per manti erbosi abbastanza estesi); un impianto interrato (che bagna dall’alto con un effetto simil pioggia, ed è costituito da bocchette nascoste che, azionato l’impianto, emergono dal terreno e iniziano a pompare); e sistemi di sub-irrigazione (che bagnano giardino e piante direttamente nel terreno all’altezza delle radici).

Manutenzione e cura del verde:
giardinaggio, sfalcio, manutenzione parchi e giardini

Contattaci